Eccoci arrivati al dunque!

Lo ‘spazio’ per collaborare, discutere e confrontarsi è ormai pronto. È possibile registrarsi facilmente a questo sito scegliendo l’opzione dal menù ‘Navigare’ -> ‘Login’ -> [Registrati] e compilando il modulo con i dati previsti. Dopo di che si è autorizzati a commentare e partecipare ai Forum ‘Arduerino’.

Arriviamo così al progetto di Domotica che vi propongo per imparare tante piccole ‘astuzie’ e conoscere altrettanti ‘segreti’ nella progettazione di hardware e firmware, e che vi potranno tornare utili in tutti i vostri progetti.

Prima di iniziare a scegliere l’hardware e fare le prime prove, un buon progetto richiede una attenta ‘analisi’ di quello che alla fine si vuole ottenere. Questo per ottenere due importanti risultati:

  • definire l’insieme di funzioni e caratteristiche che si desidera ottenere alla fine del lavoro;
  • comprendere e definire i vari step, così da poter sviluppare per gradi senza dover avere subito l’intero risultato finale.

La mia proposta per il prodotto finale prevede le seguenti caratteristiche:

  1. una mini console da applicare al muro (nello spazio di una scatola da incasso per presa/interruttore) con un piccolo display e alcuni tasti per la variazione in locale di alcune funzioni di base (temperatura e accensione/spegnimento del riscaldamento);
  2. ‘n’ sensori di temperatura (uno per ogni stanza/area interna all’abitazione da controllare);
  3. un sensore di temperatura da esterno.

La mini console (1) dovrà permettere:

  • di attivare il riscaldamento per mezzo di un relè;
  • di essere controllata da remoto attraverso la rete WiFi locale, per mezzo di una ‘paginetta web’;
  • contenere un sensore di temperatura, umidità e pressione per il rilevamento del locale;
  • effettuare il rilevamento periodico delle temperature (ogni 30 secondi o ogni minuto);
  • controllare la temperatura media dell’abitazione mediante accensione e spegnimento dell’impianto;
  • verificare i valori delle differenti temperature e stabilire l’efficienza dell’inerzia termica di ciascun locale mediante la valutazione delle variazioni nel tempo (Δ/t) di temperatura esterna/interna rispetto all’umidità e alla pressione;

I sensori di temperatura da interno (2) dovranno essere:

  • sufficientemente piccoli, da appoggiare come soprammobili;
  • contenere un sensore di temperatura per il rilevamento del locale;
  • a pile (2 mini stilo AAA da 1,5V);
  • con basso consumo;
  • collegati alla console mediante rete WiFi ‘proprietaria’;

Il sensore di temperatura da esterno (3) dovrà essere:

  • sufficientemente piccolo, protetto dalle intemperie e adatto ad essere appeso;
  • contenere un sensore di temperatura per il rilevamento della temperatura esterna;
  • a pile (2 mini stilo AAA da 1,5V);
  • con basso consumo;
  • collegati alla console mediante rete WiFi ‘proprietaria’;

E per il momento mi fermo qua!

Ora mi aspetto che chi è interessato allo sviluppo in collaborazione si registri e, se lo desidera, collabori con commenti, critiche, suggerimenti.. così che io possa ‘constatare’ l’interesse al progetto prima di proseguire insieme senza indugi..

kokiuaGeneraleEccoci arrivati al dunque! Lo 'spazio' per collaborare, discutere e confrontarsi è ormai pronto. È possibile registrarsi facilmente a questo sito scegliendo l'opzione dal menù 'Navigare' -> 'Login' -> e compilando il modulo con i dati previsti. Dopo di che si è autorizzati a commentare e partecipare ai Forum...progettare in elettronica